Ellissi del figliol prodigo

C’è dunque un uomo che ha due figli. E’ un padre. Uno dei due, un figlio, un certo giorno, dice a questo signore, il padre:

‘scolta papà, io vorrei quel che mi spetta dei beni di famiglia che vi saluto tutti dopodomani e me la filo perché, più avanti negli anni, vorrò poter cantare I did it my way senza sentirmi ridicolo.

Da padre moderno, almeno per l’epoca, l’uomo acconsente e concede l’equivalente monetario della parte d’eredità al figliolo in procinto di smammare[*].

Tutto ciò avviene in un giorno di aprile e la clemenza del tempo di prima, nel mover cose belle, fa sì che il distacco filiale non pesi. I padri poi, per antica esperienza, sanno che i figlioli queste cose le fanno e sanno altresì, per ricevuta dottrina, di essere lì appunto per perdonare.

Il tempo, benché ritenuto galantuomo dal detto popolare, insinua dubbi e incertezze e financo timori e tremori. Più nei padri che nei figli. E passata la stagione, una sottile melanconia, una nostalgia d’antichi giochi e un vago rimorso d’eccessivi rimbrotti s’impadroniscono del padre. Ogni giorno di più. Misero padre impadronito dai trascorsi. E indebolitone.

E’ un giorno uggioso di inizio autunno che il padre, disperato, scruta l’orizzonte – caso mai il figliolo, ravveduto, si rivedesse – senza però risultato alcuno: niente altro che pioggerella e un po’ di nebbia. Nessun figlio all’orizzonte, né oltre.

Armenti, vitelli e manze se ne stanno a pascolare l’ultima erbetta autunnale mentre la pioggerella, poco alla volta, cresce d’intensità e il vitello più grasso saltella qua e là. Cantando Singing in the rain.

[*]: chi se ne vada, via da un padre non vedovo, in realtà “smamma”. Non appaia strano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...