Inverno è poi cuore

L’été une boisson fraîche
printemps c’est l’aube
et l’automne un lait d’accueil.

Inverno è poi cuore destinato
a un camino per scaldarsi
e neve secca scartata sotto l’albero,
inverno ha la bocca come l’alba
che tira fuori la lingua dalla nebbia
e gli occhi così mortali
come quelle passioni estive
che durano quanto una partita a carte.

Noi due tu nuda sopra la coperta
e le foglie che richiamano
il fuoco incendiandosi senza bruciare,

e vale a poco il tentativo di dicembre

che porta chiaro nel buio rumoreggiando
coi suoi ritornelli da uomini felici, tentennando
davanti alla porta di un piano bar, oscurando
col suo profumo così distante dalla sabbia,
così lontano dal gusto e dalla nausea
delle creme appiccicose per il viso, diseccitando
ogni vuoto e immenso cielo nascondendo il sole,

giacché già tutto è orizzonte, tutto è mare,
tutto è estate e siepi illuminate nel buio.

Gian Marco Griffi

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...