Canso leu.

Farai un vers de dreit nien,
Non er de mi ni d’autra gen,
Non er d’amor ni de joven,
Ni de ren au,
Qu’enans fo trobatz en durmen
Sus un chival

Scriverò un canto di puro niente,
non su di me né su altra gente
non sull’ amore né gioventù,
né su nient’altro,
perché l’inventai dormendo,
sopra un cavallo.

No sai en qual hora-m fui natz,
No soi alegres ni iratz,
No soi estranhs ni soi privatz,
Ni no-n puesc au,
Qu’enaisi fui de nueitz fadatz
Sobr’un pueg au.

Non so a che ora io sono nato,
non sono allegro né arrabbiato,
non son straniero né paesano,
non so che farci se
una notte, su un alto monte,
io fui stregato .

No sai cora-m fui endormitz,
Ni cora-m veill, s’om no m’o ditz!
Per pauc no m’es lo cor partitz
D’un dol corau,
E no m’o pretz una fromitz,
Per Saint Marsau!

Non so se dormo
o se son sveglio, se non mi si dice!
Per poco il cuore non s’è spezzato
dal gran dolore,
m’importa assai
di San Marziale![*]

Malautz soi e cremi morir,
E re no sai mas quan n’aug dir.
Metge querrai al mieu albir,
E no-m sai cau:
Bos metges er si-m pot guerir,
Mas non, si-m mau.

Malato sono e credo morire
non ne so più di quanto senta dire.
cercherò un medico a casaccio,
e non so come:
sarà buono se mi potrà guarire
se non potrà, molto di meno.

Amigu’ ai ieu, non sai qui s’es,
C’anc no la vi, si m’aiut fes,
Ni-m fes que-m plassa ni que-m pes,
Ni no m’en cau
C’anc non ac Norman ni Franses
Dins mon ostau.

Ho un amica , non so chi sia.
non l’ ho mai vista, in fede mia
non mi compiacque né mai mi offese,
ma che vuol dire
non fui Normanno, neppur Francese
in casa mia.

Anc non la vi et am la fort,
Anc no-n aic dreit ni no-m fes tort;
Quan no la vei, be m’en deport,
No-m prez un jau,
Qu’ie-n sai gensor e belazor,
E que mai vau.

Mai non la vidi e l’ amo tanto
non mi fece dritto né mi fe’ torto
se non la vedo, no non m’ importa,
sto bene uguale,
ché ne conosco più bella gentile
e che più vale.

Fait ai lo vers, no sai de cui,
Et trametrai lo a celui
Que lo-m trameta per autrui,
Enves Peitau,
Que-m tramezes del sieu estui
La contraclau.

Ho scritto il canto, di che non so
e lo manderò a quello
che lo mandi ad altri
verso Peitau,
e del suo scrigno mi spedirà
la chiave che lo aprirà.

Guilhèm de Peitieus (Guglielmo IX d’Aquitania; 1071-1126)

[*]: probabile riferimento alla scuola di musica di San Marziale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...